Header

La campagna di solidarietà attiva alle popolazioni del Pollino colpite dal terremoto continua. La giornata del 20 gennaio, organizzata da una rete di associazioni di Cosenza e di Mormanno, e condivisa dalle rispettive amministrazioni municipali, si arricchisce di nuove adesioni e partecipazioni. Alle tante già arrivate, si aggiungono in queste ore quelle dello Slow Food Calabria, VAS Cosenza, La Terra di Piero,  di artisti come Dario Brunori, di ricercatori come Vittorio Cappelli e Giovanni Sole.

Sarà una giornata di solidarietà intesa non solo come condivisione delle risorse, dei doni e dei talenti ma anche delle sofferenze e del dolore dei nostri fratelli e delle nostre sorelle del Pollino. In una parola, non risolvere la solidarietà nel triste invio di un SMS ma esserci, fisicamente e mentalmente, e tenere la mano.

Sarà anche una giornata di dialogo e di ascolto, di consapevolezza della necessità della cura dei luoghi per riallacciare con il territorio legami di senso intessuti con gli spazi e le persone e non considerarlo una superficie da saccheggiare.

Sarà infine una giornata di festa, perché prendere la parola, cooperare, agire insieme non è un dovere ma volontà di decidere da sé e desiderio  di costruire percorsi di indipendenza, di raccontare la propria storia, di incidere nel proprio presente, di sentirsi potenti.

Chiunque volesse maggiori informazioni e/o volesse partecipare, può farlo dando la propria adesione sul blog http://cosenzamormanno.wordpress.com/ o anche sul profilo Facebook Cosenza a Mormanno.

Vi aspettiamo dunque numerosi, vivi, allegri e combattivi.

  Rete delle associazioni “Cosenza a Mormanno”

Share

Cari gasisti,
la bonifica è quasi (!!!) finita e noi continuiamo l’opera di salvataggio delle strutture delle ex Officine FdC da un inesorabile degrado.

Ultimamente abbiamo liberato un’area importante dal materiale di scarto che la riempiva ed ora ci accingiamo a finire il lavoro prima di iniziare la vera e propria ristrutturazione dei locali.

Ovviamente senza nessun contributo pubblico ed attingendo alla cassa del G.A.S. (grazie alle vostre donazioni) ed al nostro lavoro.

Per l’ultimazione dei lavori occorre ovviamente tanta manodopera, del materiale (che magari giace inutilizzato nei vostri magazzini) e qualche contributo economico.

Materiale utile: Cemento, Stucco, Intonaco, Tavoloni di Legno da impalcatura, Pittura, Impalcatura

Prossimo appuntamento lavorativo Domenica 13 Gennaio dalle 9,30 alle 13,00
Per info: ordini_gas@utopiesorridenti.com

 

ristruttura

 

Share

carne
pre prenotare clicca su (altro…)

Share

Organizzata da una rete di associazioni di Cosenza e Mormanno, domenica 20 gennaio 2013 si svolgerà una giornata di solidarietà e vicinanza alle popolazioni del Pollino colpite dal terremoto. Sarà una giornata di festa e di scambi, di discussioni e di incontri, di spettacoli per bambini, di conoscenza della storia e dei paesaggi di quei luoghi, di convivialità, musica e cultura per manifestare comunanza e prossimità agli abitanti del Pollino. A Mormanno non c’è solo Protezione Civile, Esercito, Vigili del Fuoco e Forestale, né si parla solo di emergenza. A Mormanno, insieme al dolore e alla paura, che vogliamo con-dividere, ci sono uomini e donne che non hanno aspettato nessuno per prendersi cura delle piazze e dei vicoli come dei bimbi e degli abitanti. A Mormanno ci sono cittadini che hanno la volontà di decidere da sé e desiderio di opporsi al destino di spopolamento e abbandono di quei luoghi. Soprattutto vogliamo che non si disperdano le relazioni e i legami sociali che costituiscono la vera ricchezza delle nostre comunità e che hanno al centro la cura dei luoghi e del territorio.

Chiediamo a tutti e a tutte di sottoscrivere l’appello inviando una mail cosenzamormanno@anche.no e di compilare on-line il modulo di adesione alla giornata che prevede il viaggio in autobus ed un pranzo preparato dagli abitanti di Mormanno.

Il programma di massima (suscettibile di variazione) è il seguente: (altro…)

Share
aranceAnche quest’anno ritornano gli agrumi solidali con la campagna ARANCE SORRIDENTI – Spremi gli agrumi, non i braccianti a Cosenza.
Al 2010 risalgono i fatti di Rosarno: la rivolta dei migranti, “focus” improvviso sulle condizioni disumane in cui versa la manodopera bracciantile immigrata in Calabria.
A distanza di quasi 3 anni tutto è cambiato, in peggio.
La crisi economica colpisce il paese intero e i licenziamenti colpiscono prima i più deboli: nella Piana cresce il numero dei migranti.«alla tendopoli su 300 posti disponibili ci sono almeno 700 persone. 150 dormono nel tendone mensa, più di 50 a terra, e quando piove, l’acqua sale dal ghiaino anche per 10 centimetri, perché quando hanno montato la tendopoli hanno sbagliato il sito. fuori dal recinto della tendopoli, nel fango, aumentano le baracche abusive, con pali e celofan [...] non ci sono i soldi per la gestione del campo, i bagni non funzionano per la maggior parte – già sottodimensionati per le presenze ordinarie… dopo il lavoro – quelli che lo trovano – fanno fino a due ore di fila per la doccia fredda.»
Poche parole scritte di fretta da Arturo Lavorato (EquoSud, SOS Rosarno) danno un quadro fin troppo chiaro, rimbalzando nelle mailing list dell’economia solidale negli ultimi giorni.
Alla Tv Rumena dalle testimonianze degli amici e familiari dei ragazzi morti appena pochi giorni fa a Rossano nel tragico incidente, emerge il quadro del “caporalato delocalizzato” che promette soggiorni di lavoro stagionale in italia a salari bassi (25 euro a giornata) e poi neanche mantiene, perchè i salari invece sono da fame (7-8 euro per 12 ore di lavoro).
“Arance sorridenti”  40 euro per 8 ore di lavoro.   E’ questa la paga corrisposta a Boubker Elhafian, lavoratore regolarmente assunto da Giulia Spanò (guarda il video), produttrice dell’economia solidale (Corigliano, Piana di Sibari).
1,23 al kg. Arance biologiche. Perchè l’alimentazione sana e la salute non può essere un privilegio per ricchi.
Queste sono le nostre arance, le arance dell’economia solidale…

Scegliete voi se contribuire a far girare gli ingranaggi della filiera industriale, della grande distribuzione organizzata che stritola i più deboli oppure prenotare le Arance della Campagna etica “ARANCE SORRIDENTI – Spremi gli agrumi, non i braccianti”.

Vai al blog arancesorridenti.wordpress.com per prenotare.

Share