Header

Author Archives: Stefano Ammirato

Tesseramento 1° semestre 2017

febbraio 25th, 2017 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

volantino

Share

Lavori di ristrutturazione Ex Officine 2017

febbraio 23rd, 2017 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

Lavori di ristrutturazione della Pensilina del GAS. Rendiamo fruibili ed agibili gli spazi liberati che sono a disposizione della città, di tutte le persone che vogliono creare nuova socialità dal basso.

Sostenete i lavori di ristrutturazione. Servono: manodopera (tanta), pedane di legno, cemento, pittura, materiale elettrico, viti, chiodi e qualche euro!

Ex Officine FdC: Lavori alla pensilina -_Febbraio_2017 from Gramigna on Vimeo.

Share

Visite contadine: Daniela Serrago

giugno 7th, 2016 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)
quercia

“Non è certo dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che ci aspettiamo il nostro pranzo, ma dal fatto che essi hanno cura del proprio interesse. Noi non ci rivolgiamo alla loro umanità, ma al loro egoismo” (Adam Smith, La Ricchezza delle Nazioni)

Questo principio e questa visione individualistica della società ci hanno condotto alle derive odierne rappresentate dall’industrializzazione dell’agricoltura sviluppatasi sul principio della massimizzazione del profitto, incurante delle conseguenze ambientali, umane e sociali. La “Rivoluzione Verde” ha prodotto una frattura enorme tra contadini ed ambiente. Spruzzare sui terreni e sulle piante, attraverso macchine appositamente studiate, tonnellate di diserbanti, pesticidi e fertilizzanti chimici ha permesso sicuramente a tanti contadini e contadine di non ripetere alcune delle azioni più pesanti dell’agricoltura tradizionale come quelle di estirpare le erbe infestanti, produrre, far maturare e spandere il letame e stare attenti alle infestazioni di parassiti. Questi elementi chimici derivati dal petrolio, però, hanno presto mostrato la loro faccia oscura attraverso tanti studi che dimostrano come il loro utilizzo sia deleterio per le falde acquifere, la salute dei terreni e dei lavoratori oltre a quella dei consumatori. Le pratiche agronomiche industriali hanno prodotto l’avvelenamento e l’estremo sfruttamento dei terreni interessati che, spesso dedicati alla monocultura, non prevedevano neanche accorgimenti minimi come la rotazione ed il riposo ciclico, conducendo alla desertificazioni di ampi pezzi di campagna. Sono ormai appurati anche i legami tra le tante malattie e le allergie sempre più aggressive con i cibi sempre più sofisticati e trattati.

(altro…)

Share

C’e’ Olio e Olio

dicembre 23rd, 2015 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

GAS Cosenza: C’è Olio e Olio from Gramigna on Vimeo.

Degustazione e dibattito sull’Olio Contadino. 19 Dicembre 2015
Con Massimiliano Pellegrino, Agronomo

Share

GAS Sila: Mercato Contadino

maggio 31st, 2015 | Posted by Stefano Ammirato in appuntamenti | economia solidale - (0 Comments)

gas1 copia (copia)

Share

Piazza dell’Economia Solidale

dicembre 17th, 2014 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

Piazza Solidale A3_small

Share

BotteGAS: Tutti i Martedi e Giovedi

marzo 10th, 2014 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

Rete di Economia Solidale “Utopie Sorridenti”

BotteGAS

 

Inizia la sperimentazione della BotteGAS.

Apertura ogni Martedì e Giovedì

dalle ore 16,00 alle ore 19,30

 

Troverai i prodotti del GAS

Patate, Pane, Frese, Sott’oli, Marmellate, Olio, Vino

e prossimamente Farina e Legumi.

Artigianato e Saponi naturali.

 

Alla BotteGAS potrai inoltre ricevere tutte le informazioni

sulle iniziative della RES “Utopie Sorridenti”

 

Vieni a trovarci presso

il PARCO SOCIALE

ex Officine FdC

Via Popilia, 39 – Cosenza

www.utopiesorridenti.com

Share

Ordine Farina Febbraio 2014

febbraio 27th, 2014 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

farinaProgetto “il Seme che cresce”
Modulo ordine Farina – Febbraio 2014

Chiusura Ordine Martedì 4 Marzo 2014

Clicca per ordinare….
(altro…)

Share

/Mercatino Bio-Etico: Filiere Resistenti e Prezzo Trasparente

febbraio 2nd, 2014 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

Documento-1-Pagina001

Share

Una stufa rivoluzionaria

gennaio 19th, 2014 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

http://www.coessenza.org/news742-Una-stufa-rivoluzionaria-742.htm

Scuola del Vento

16 gennaio – Da qualche giorno c’è una nuova stufa in funzione presso la Scuola del Vento, nel campo rom di Vaglio Lise, a Cosenza.
Rocket Mass Heater una piccola grande rivoluzione a portata di mano.foto_stufa_scuola_del_vento
Nell’ambito della avanguardie della Permacultura, sta diffondendosi e perfezionandosi una nuova tecnica per la costruzione di stufe e sistemi per il riscaldamento domestico, estremamente semplice da realizzare ed al contempo molto efficiente. Il rocket mass heater è fra le migliori applicazioni di questa tecnica. Si tratta di una stufa a legna con un’efficienza termica tale da ottenere la stessa quantità di calorie utilizzando il 50% in meno di legna rispetto ad una stufa tradizionale. Ciò è possibile grazie al processo di pirolisi, che consente di far bruciare la maggior parte dei gas della combustione (il fumo del fuoco) ottenendo così altro calore, ed emissioni minime composte quasi esclusivamente da CO2 e vapore acqueo. Considerato poi che la forma ed il funzionamento della camera di combustione creano un tiraggio consistente, è possibile indirizzare il tubo di uscita degli esausti nella direzione desiderata, anche orizzontalmente, e ciò permette di farlo passare all’interno di una massa termica di materiale inerte pietroso (il pavimento, una panchina, un letto, un muretto o un qualsiasi altro elemento architettonico) ottenendo così di accumulare all’interno della casa una notevole quantità di calore che andrebbe altrimenti disperso. Questo consente di ottenere risparmi di legna superiori all’80% rispetto a una stufa tradizionale. Anche i costi ed i tempi di realizzazione di questo sistema innovativo sono eccezionalmente contenuti: è possibile infatti realizzare un impianto base con massa termica per meno di 150 euro ed in meno di due giornate lavorative. E’ importante infine sottolineare che sono già stati sperimentati sistemi che incorporano la possibilità di produrre acqua calda.
Perché il RMH è ancora più rivoluzionario per i ROM
• L’utilizzo di una stufa con massa termica consente di avere minori sbalzi di temperatura. Ciò è particolarmente rilevante in un ambiente come le baracche che si surriscaldano quando le stufe a legna sono accese per poi raffreddarsi molto velocemente appena la stufa si spegne, portando alla condensa dell’umidità trattenuta all’interno dai rivestimenti plastici che vengono utilizzati per isolare le baracche e, dunque, ad una sostanziale insalubrità dell’ambiente.
• La possibilità di utilizzare un quantitativo di legna molto inferiore disincentiva il ricorso a legna con plastica o vernici attaccati ed alla plastica.
• La qualità degli esausti, che sono praticamente respirabili, migliora radicalmente la qualità dell’aria all’esterno, che, specialmente nei campi densamente popolati, è spesso molto inquinata proprio a causa della combustione di materiali tossici e del posizionamento molto basso dei comignoli, favorendo malattie respiratorie e neoplasie.
• Il bidone incorporato nel sistema, può essere utilizzato come piano di cottura, portando ad un risparmio sul gas e ad un miglioramento della qualità dell’aria all’interno delle baracche, dove la combustione del gas per la cottura può inquinare pesantemente l’aria.
• Vista la capacità dei Rom di riciclare materiali, i costi di realizzazione sono vicini allo zero.
• Vista la struttura e il funzionamento della stufa il rischio di incendio e di ustioni è molto più contenuto.

by Confluenze

Share