Header

Author Archives: Stefano Ammirato

GAS COSENZA: KM0, certificazione o accaparramento?

ottobre 24th, 2018 | Posted by Stefano Ammirato in economia solidale - (0 Comments)
contadino

E’ stata approvato dall’Assemblea della Camera e passa ora all’esame del Senato la proposta di legge C. 183, recante norme per la valorizzazione e la promozione dei prodotti agroalimentari a filiera corta e a chilometro zero.
La proposta di legge è composta di 7 articoli che prendono in esame le modalità per la valorizzazione e la promozione dei prodotti agroalimentari che provengono dalla filiera corta o dal chilometro zero o utile.
Le definizioni incluse in questa proposta indicano come prodotti a chilometro zero o utile quelli che provengono da luoghi di produzione e di trasformazione posti a una distanza non superiore a 70 chilometri dal luogo di vendita o dal luogo di consumo. Invece i prodotti agricoli e alimentari provenienti da filiera corta sono quei prodotti la cui commercializzazione è caratterizzata dall’assenza di intermediari commerciali o dalla presenza di un solo intermediario. Le cooperative e i loro consorzi, le organizzazioni dei produttori e le organizzazioni interprofessionali non sono considerati intermediari.

Saranno anche previsti ed istituiti appositi logo “chilometro zero o utile” e il logo “filiera corta” che andranno esposti nei luoghi di vendita diretta, nei mercati, negli esercizi commerciali o di ristorazione e all’interno dei locali, in spazi espositivi appositamente dedicati.
Dulcis in fundo l’articolo 6 prevede che l’operatore che immetta sul mercato prodotti agricoli e alimentari utilizzando il logo in assenza dei requisiti di legge, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 1.600 euro a 9.500 euro.
Purtroppo a nostro avviso è in atto una nuova appropriazione come quella già avvenuta per le produzioni naturali/biologiche. Movimenti dal basso, GAS, piccoli contadini ed aziende responsabili che hanno fatto negli anni un grosso lavoro per sensibilizzare i consumatori ad acquisti di prodotti provenienti da filiere virtuose e responsabili si troveranno di fronte all’ennesima burocratizzazione ed all’ennesima certificazione che sarà come al solito appannaggio delle grosse aziende e della Grande Distribuzione Organizzata.
Speriamo di sbagliare, ma ci siamo già passati. La nostra linea rimane quella della certificazione partecipata che parte dalla condivisione diretta tra gasisti e contadini della filosofia di fondo e dei metodi di produzione.
Delegare ad istituti di certificazione non è mai risultato un grosso affare per i piccoli contadini e sicuramente poco efficace per comprovare la reale bontà dei progetti e delle produzioni.

GAS Cosenza
Casa dei Diritti Sociali – FOCUS

Share

mutualismo_max

Share

Articolo su “Il Meridione”

settembre 28th, 2018 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

articolo_genuino_clandestino

Share

I nostri contadini: Viggiano

settembre 27th, 2018 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

articolo_viggiani

Share

1^ Mercato Genuino Clandestino

settembre 21st, 2018 | Posted by Stefano Ammirato in appuntamenti | economia solidale - (0 Comments)

GC_COSENZA_22settembre

Share

Riappropriazione del territorio e reti di mutuo aiuto

gennaio 11th, 2018 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

autieri

Share

Laboratorio Ricotta

maggio 8th, 2017 | Posted by Stefano Ammirato in appuntamenti - (0 Comments)

ricotta-Pagina001

Share

Tesseramento 1° semestre 2017

febbraio 25th, 2017 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

volantino

Share

Lavori di ristrutturazione Ex Officine 2017

febbraio 23rd, 2017 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)

Lavori di ristrutturazione della Pensilina del GAS. Rendiamo fruibili ed agibili gli spazi liberati che sono a disposizione della città, di tutte le persone che vogliono creare nuova socialità dal basso.

Sostenete i lavori di ristrutturazione. Servono: manodopera (tanta), pedane di legno, cemento, pittura, materiale elettrico, viti, chiodi e qualche euro!

Ex Officine FdC: Lavori alla pensilina -_Febbraio_2017 from Gramigna on Vimeo.

Share

Visite contadine: Daniela Serrago

giugno 7th, 2016 | Posted by Stefano Ammirato in Senza categoria - (0 Comments)
quercia

“Non è certo dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che ci aspettiamo il nostro pranzo, ma dal fatto che essi hanno cura del proprio interesse. Noi non ci rivolgiamo alla loro umanità, ma al loro egoismo” (Adam Smith, La Ricchezza delle Nazioni)

Questo principio e questa visione individualistica della società ci hanno condotto alle derive odierne rappresentate dall’industrializzazione dell’agricoltura sviluppatasi sul principio della massimizzazione del profitto, incurante delle conseguenze ambientali, umane e sociali. La “Rivoluzione Verde” ha prodotto una frattura enorme tra contadini ed ambiente. Spruzzare sui terreni e sulle piante, attraverso macchine appositamente studiate, tonnellate di diserbanti, pesticidi e fertilizzanti chimici ha permesso sicuramente a tanti contadini e contadine di non ripetere alcune delle azioni più pesanti dell’agricoltura tradizionale come quelle di estirpare le erbe infestanti, produrre, far maturare e spandere il letame e stare attenti alle infestazioni di parassiti. Questi elementi chimici derivati dal petrolio, però, hanno presto mostrato la loro faccia oscura attraverso tanti studi che dimostrano come il loro utilizzo sia deleterio per le falde acquifere, la salute dei terreni e dei lavoratori oltre a quella dei consumatori. Le pratiche agronomiche industriali hanno prodotto l’avvelenamento e l’estremo sfruttamento dei terreni interessati che, spesso dedicati alla monocultura, non prevedevano neanche accorgimenti minimi come la rotazione ed il riposo ciclico, conducendo alla desertificazioni di ampi pezzi di campagna. Sono ormai appurati anche i legami tra le tante malattie e le allergie sempre più aggressive con i cibi sempre più sofisticati e trattati.

(altro…)

Share