Header

cesto

 

Per penotare clicca su (altro…)

Share

mutualismo_max

Share

articolo_genuino_clandestino

Share

articolo_viggiani

Share

GC_COSENZA_22settembre

Share

autieri

Share

Laboratorio Ricotta

maggio 8th, 2017 | Posted by Stefano Ammirato in appuntamenti - (0 Comments)

ricotta-Pagina001

Share

volantino

Share

Lavori di ristrutturazione della Pensilina del GAS. Rendiamo fruibili ed agibili gli spazi liberati che sono a disposizione della città, di tutte le persone che vogliono creare nuova socialità dal basso.

Sostenete i lavori di ristrutturazione. Servono: manodopera (tanta), pedane di legno, cemento, pittura, materiale elettrico, viti, chiodi e qualche euro!

Ex Officine FdC: Lavori alla pensilina -_Febbraio_2017 from Gramigna on Vimeo.

Share
quercia

“Non è certo dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che ci aspettiamo il nostro pranzo, ma dal fatto che essi hanno cura del proprio interesse. Noi non ci rivolgiamo alla loro umanità, ma al loro egoismo” (Adam Smith, La Ricchezza delle Nazioni)

Questo principio e questa visione individualistica della società ci hanno condotto alle derive odierne rappresentate dall’industrializzazione dell’agricoltura sviluppatasi sul principio della massimizzazione del profitto, incurante delle conseguenze ambientali, umane e sociali. La “Rivoluzione Verde” ha prodotto una frattura enorme tra contadini ed ambiente. Spruzzare sui terreni e sulle piante, attraverso macchine appositamente studiate, tonnellate di diserbanti, pesticidi e fertilizzanti chimici ha permesso sicuramente a tanti contadini e contadine di non ripetere alcune delle azioni più pesanti dell’agricoltura tradizionale come quelle di estirpare le erbe infestanti, produrre, far maturare e spandere il letame e stare attenti alle infestazioni di parassiti. Questi elementi chimici derivati dal petrolio, però, hanno presto mostrato la loro faccia oscura attraverso tanti studi che dimostrano come il loro utilizzo sia deleterio per le falde acquifere, la salute dei terreni e dei lavoratori oltre a quella dei consumatori. Le pratiche agronomiche industriali hanno prodotto l’avvelenamento e l’estremo sfruttamento dei terreni interessati che, spesso dedicati alla monocultura, non prevedevano neanche accorgimenti minimi come la rotazione ed il riposo ciclico, conducendo alla desertificazioni di ampi pezzi di campagna. Sono ormai appurati anche i legami tra le tante malattie e le allergie sempre più aggressive con i cibi sempre più sofisticati e trattati.

(altro…)

Share